Articoli recenti

Metodo del pensiero di Socrate

Il mondo è pieno di idee deboli e e imprecise perché molti pensano che…

Comicità *e politica*

Si vorrebbe capire perché un personaggio comico di tale rilevanza come…

Il ruolo del docente nella società contemporanea

Un docente (dal latino docēre, insegnare) o insegnante, è chi nella…

Il populismo

Il populismo è un atteggiamento culturale e politico che esalta…

Sistema Immunitario (Prima Parte)

04 mag 2018 -- Scritto da : admin

Il nostro corpo si difende dagli attacchi esterni tramite questo sistema che equivale a un esercito ben organizzato in grado di respingere e neutralizzare tutti i nemici , tutti i batteri e le sostanze che possono portare un danno al nostro corpo .
È in grado di riconoscere ciò che fa parte del nostro organismo , e che è considerato amico (self) da ciò che è estraneo ed è considerato nemico (non self).

Possiamo suddividere il sistema in due tipi d immunità , anche se tutti sono interconnessi tra di loro , l’immunità innata o aspecifica e l’immunità acquisita o specifica .
L’immunità innata si è sviluppata nell’uomo nel corso dell’evoluzione fino a raggiungere l attuale stato che noi abbiamo adesso come difesa .

Rappresenta la prima linea difensiva contro gli attacchi esterni , ha il ruolo di allerta del nostro sistema immunitario e anche un ruolo di spazzina . Le armi di questo sistema sono sia di tipo chimico fisico che di tipo biologico , le armi chimico fisiche sono i rinvestimenti ( pelle ) e le secrezioni ( saliva ) , le proteine del complemento ( molecole chimiche ) .

Le difese biologiche sono quelle messe in atto da alcune cellule come i granulociti e i macrofagi . I bersagli sono ad esempio il lipopolisaccaride batterico , immediatamente riconosciuto ,e L’RNA a doppia elica che non fanno parte dell organismo umano .
Questi sono i vantaggi dell immunità innata ma esistono anche gli svantaggi , che possiamo riassumere principalmente in tre punti :

  1. L’efficacia non è sempre ottimale cioè le armi non sono sufficienti a sconfiggere il patogeno
  2. La scarsa adattabilità alle variazioni dei pattern patogeni come ad esempio i virus che cambiano continuamente e sono difficili da combattere
  3. Scarsa discriminazione tra Self e non self come ad esempio quando il complemento attacca un’infezione batterica ma contemporaneamente attacca anche il tessuto circostante. 
Nessun argomento

Condividi:

Caricamento della conversazione